Centro Benessere Psicofisico SAVASANA

Telefono: 06 70614022

Orari di segreteria: dal LUNEDI al VENERDI, ore 16-20
il Centro è aperto negli orari dei corsi e delle attività

Soci fondatori


Lauretana Trevisi

La responsabile del centro

La responsabile è Lauretana Trevisi (insegnante di yoga con esperienza ventennale, operatrice nella Rieducazione Posturale e Respiratoria con Diploma presso l'E.F.O.A. University).

Inizia la pratica del KUNDALINI YOGA con il Maestro Meher (allievo diretto di Yoghi Bajan e primo a portare il Kundalini in Italia), dal quale ebbe l’iniziazione.

Inizia l’insegnamento del kundalini Yoga sotto la supervisione del Maestro Meher e da allora continua con dedizione la pratica e l’insegnamento.

Inizia la pratica dello HATHA YOGA nel 1998 segue i corsi di Formazione per Insegnanti (7 anni) presso l’E.F.O.A. UNIVERSITY.
Consegue il diploma ed insegna come Formatrice ai corsi di Formazione per Insegnanti presso l’Associazione stessa.

Diploma di insegnanti PILATES - Mat work c/o World Pilates - Federation A.S.D. (affiliata C.S.E.N. riconosciuto Coni e Ministero Interni).

MASTER REIKI Metodo USUI certificata.

Operatrice nella Rieducazione e Riabilitazione Posturale dal 2001, opera nel campo del movimento funzionale.

Diploma Quadriennale “Rigenerazione Posturale” c/o EFOA.

Iscritta alla Formazione per Insegnanti del Metodo Feldenkrais Roma7 autorizzata a condurre lezioni con qualità di Insegnante di CAM (Conoscersi Attraverso il Movimento); dal 2007 studia e frequenta Seminari con Insegnanti Formatori di tale Metodo con l’intento di approfondire ed affinare le proprie conoscenze.

Ezio Morgante

SOCIO FONDATORE

Un uomo alla costante ricerca del “senso della vita”, e che vuole coinvolgere quante più persone in quello che considera un processo evolutivo indispensabile alla crescita.

"Un umanista nel senso più pregnante della parola: approfondisce studi di Filosofia, Sociologia e Psicologia; scrittore, disegnatore e praticante Yoga e Metodo Feldenkrais. La propia passione, creatività ed amore per le Arti Olistiche hanno portato a contribuire e realizzare la Fondazione del Centro Olistico in cui è dell'Uomo nella sua interezza che ci si Vuole prendere cura".

Infatti necessità, curiosità, creatività e fantasia hanno portato l'uomo a progredire nel tempo; però oggi sembra essere diventato schiavo delle sue stesse creazioni, spersonalizzato e privato di quella spiritualità, coscienza, consapevolezza del proprio sé che lo devono portare a “guardare oltre”. Inaridisce e sta male fisicamente e psichicamente.

Ezio ritiene che la vita non sia un dono da sprecare, e che gli uomini non sono “isole separate”, ma che TUTTI in qualsiasi epoca nati, in qualunque continente di ogni strato sociale, siano accomunati da una sorta di “Coscienza” che unisce le “isole in una terra universale”.

QUESTO è quanto Ezio Vi augura e Vi esorta a fare:

Riappropriatevi della vostra vita: credeteci con fiducia, tenacia e costanza.

 

Il valore di un pensiero creativo

Il pensiero creativo porta con sè fantasia e creatività, aspetti che hanno permesso all'uomo di crescere nel tempo e non rimanere all'età della pietra (sviluppo della vita-progresso tecnoscientifico).

Progresso che si sta sviluppando, e si svilupperà ulteriormente, attraverso il sapere scientifico e tecnologico che sembra però aver strumentalizzato l'uomo: lo ha privato, o lo sta privando sempre di più, di quella spiritualità che risiede nel suo animo nobile.

Necessita la riscoperta dei veri valori umani e comunicativi che si sono persi nel collettivo sociale sempre più spersonalizzato e tecnico.

L'amore, la passione (i sentimenti) dove sono?

.

Il dono della vita

La vita, come concessione manifesta, si conquista nel tempo in cui essa si sviluppa come crescita e coscienza (conoscenza); ciò avviene tramite passaggi-messaggi definiti e citati come percezione e sogni che il nostro istinto elabora, mentre il nostro inconscio registra (preconoscenza).

Si sviluppano così gli embrioni del nostro essere: a noi decidere cosa farne.

Il dono della vita è vivere secondo natura, la nostra natura interiore (sempre nel rispetto della libertà altrui, anche se ciò spesso non viene capito e spesso frainteso da "preconcetti e pregiudizi dell'umano alienato e conformista") che si sviluppa attraverso fasi percettive ed emozionali, soggettive ed uniche.

L'importante è ascoltarle e non dimenticarle o pigramente metterle da parte; anzi, nostro compito è svilupparle nel quotidiano esistere.

In esse sono racchiusi i presupposti non tangibili, ove interagiscono ingegnosamente creatività e fantasia, aspetti non trascurabili, che definiamo magici; abbracciamo così i nostri sogni a occhi aperti, ci armiamo di volontà e coraggio e speriamo che ciò si realizzi, come per un ideale o per amore.

Dobbiamo imparare ed educarci ad ascoltare essi, per così non dire, che la vita non ci dà possiblità di vivere.

Ciò è esattamente l'opposto, noi dobbiamo credere e crederci con fede, tenacia e perseveranza, per dimostrare che noi vogliamo essa al di sopra di tutto, per riconsegnargli il valore significativo che in essa risiede.

Il dono della vita ed il suo sviluppo.

Ezio Morgante
(Socio Fondatore)

Share by: